fbpx

    Categorie

    Giovedì, 18 Marzo 2021 09:10

    Puglia: vento e grandine danneggiano le coperture dei vigneti

    Il vento e la grandine danneggiano le coperture nei vigneti pugliesi, ma non solo A terra, anche i germogli degli alberi da frutto. Lievitano le spese per gli agricoltori pugliesi.

    Il forte vento e la grandine hanno colpito alcune aree della Puglia, principalmente, le province di Taranto, di Brindisi (area Nord) di Barletta-Andria-Trani.  Le raffiche hanno danneggiato le coperture e le piante di alcuni impianti di uva da tavola.

    I danni si sono verificati sui vigneti coperti con film plastici che, a causa del forte vento, si sono strappati. Gli scampoli, in balia del vento, talvolta sono ricaduti sulla vegetazione ed hanno colpito e spezzato i germogli.

    A cedere sono stati sia i teli già utilizzati da qualche anno sia quelli più nuovi. In alcuni impianti, sono state strappate anche le reti antigrandine. Anche altri alberi da frutto come i mandorli hanno perso i primi germogli. Al momento non è ancora possibile quantificare l’entità dei danni.

    Lievitano quindi le spese per i produttori di uva e gli agricoltori in genere, che dovranno sostenere ulteriori costi per le operazioni di riparazione e sostituzione dei film plastici.

    Nei prossimi giorni, i tecnici delle sedi territoriali della Cia agricoltori italiani continueranno a monitorare la situazione.

     

    Fonte: Cia Agricoltori Italiani - Puglia

    Sfoglia la rivista

    © Fruit Communication Srl
    Tutti i diritti riservati

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@uvadatavola.com e chiederne la rimozione.

    Cerca